“ Vai che ritorni ertano, torna al tuo paesello ch'è tanto bello...”
E' una delle tante frasi che si leggono sui muri di Erto e Casso: un motto che ben inquadra il
paese, un borgo in cui lo spopolamento è stato particolarmente forte, acuito dalla tragedia del
Vajont e dal forzato abbandono delle case dopo quel disastro che ne ha profondamente
segnato la storia.

PROGRAMMA PDF