I 58 ANNI DEL CLUB DEI VENTI ALL'ORA

NEL RICORDO DELLA

GRANDE GUERRA.

Prima di tutto un grazie di cuore ai numerosi amici che ci hanno accompagnato domenica 10 marzo sul Monte San Michele e a Borgo Colmello per festeggiare i 58 anni del Club dei Venti all'Ora.

Non potevamo avere guida migliore, scelta come sempre con grande attenzione dall'amica Lara Peressin di Promo Turismo FVG, se non il preparatissimo ed appassionato Paolo Pollanzi. La nostra guida, ciliegina sulla torta, è arrivata sul San Michele a bordo del suo sidecar BMW R69S del 1964, completando così il nutrito numero di bellissime auto d'epoca del nostro Club.

La visita al Museo della Grande Guerra del Monte San Michele, dichiarato Zona Monumentale dal 1922 per gli avvenimenti del primo conflitto mondiale, è stata a dir poco emozionante nel percorso esterno e, soprattutto, nella sala visori VR 360. Paolo ci ha accompagnato sulla terrazza panoramica dove si gode un ampia vista su tutta la pianura verso Gorizia da un lato e fino al Sabotino e le altre storiche cime e colline dall'altro. Tutto verdeggiante e rigoglioso dove una volta c'erano solo rocce e pietraie. La visita è poi continuata verso Cima 3 che sovrasta la Galleria Cannoniera, costruita dall'ottobre 1916 al giugno 1917 per scopi difensivi. Sulla Cima, da cui si gode un panorama verso i monti ora in Slovenia e verso il mare Adriatico, spicca un commovente cippo su cui si legge: “Su queste cime Italiani e Ungheresi combattendo da prodi si affratellarono nella morte”.

Nella sala VR 360 15 postazioni con visori e cuffie ci hanno consentito di vedere scene di vita in trincea, ascoltare i racconti dei corrispondenti di guerra fino a rivivere il tragico momento dell'attacco con i gas del 29 giugno 1916. Infine il sorvolo dell'altipiano di Doberdò sull'aereo Spad XIII guidato da Francesco Baracca.

Lasciato il Monte, siamo scesi verso Gradisca e Farra d'Isonzo dove un altro amico, Claudio, ci attendeva al Ristorante-Enoteca con alloggio Borgo Colmello.

Il menù proposto, dal “Toc in Braide” alla guancia di pezzata rossa friulana al refosco, per terminare con il tiramisù di Borgo Colmello, ha soddisfatto tutti i palati. Citiamo solo la Guida Osterie d'Italia che descrive questo angolo di paradiso così: “La ricchezza della cucina di frontiera è esaltata dalla professionalità e dalla scelta di materie prime di assoluta eccellenza”.

Arrivederci al prossimo anno!    

 

 

compleanno Club 19 391

LINK ALLE FOTO